• "Carlo Alberto dalla Chiesa's" room

     

    Dedicated to General Dalla Chiesa, the room contains photos of some of the main bosses of the Mafia, placed side by side with those of some great men of justice, who fought tenaciously organized crime.
    The tour begins in the waiting room, where there are photos of Shobha Battaglia depicting the glories of Sicilian high society, in stark contrast to the other images.
    To make more meaningful the visit there will be a local guide who, with his stories, will give voice to the photos.

  • Message room

     

    In this room you can see the significant photos of Letizia Battaglia, well-known photographer in Sicily, who had the courage to go on site to capture tragic Mafia murders: the photographer was able to capture significant details that make his shots real documents of the mode of action of the Mafia in the 70s - 80s.
    The different positions of the bodies allow us to reconstruct the communicative strategy of the Mafia.

     

  • Room of pain

     

    The room houses a permanent exhibition of Shobha, Letizia Battaglia’s daughter, who followed her mother's footsteps, taking photos of the dismay, of the feeling of helplessness, of the despair felt by those who have lost someone because of the Mafia.
    In the room there are also photos of Letizia Battaglia documenting crimes of the Mafia, captured in their dramatic rawness.
    The approach allows us to understand the cause-effect relationships that exist between the crimes and the consequences they produce in the lives of affected families and of the entire community.

  • Sala Carlo Alberto dalla Chiesa

     

     

    Dedicata al Generale Dalla Chiesa, la sala ospita le foto di alcuni dei principali boss della mafia, cui sono affiancate quelle di alcuni grandi uomini di giustizia, che hanno combattuto con tenacia la criminalità organizzata.

     

  • Stanza dei Faldoni

     

    “La stanza dei faldoni” custodisce i documenti del Maxi – processo, che ha segnato una tappa fondamentale nella lotta contro Cosa Nostra. I documenti, donati a Corleone dalla Camera Penale del Tribunale di Palermo, sono testimonianza del lavoro di magistrati come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, che hanno pagato con la vita il loro impegno nella lotta contro la mafia. Tra i faldoni le dichiarazioni rilasciate dal noto pentito Tommaso Buscetta al giudice Falcone.

     

  • Stanza dei messaggi

     

    In questa sala è possibile osservare delle significative foto di Letizia Battaglia, nota fotografa siciliana, che ha avuto il coraggio di andare sul posto per immortalare tragici omicidi mafiosi: la fotografa è riuscita a cogliere particolari significativi, che rendono i suoi scatti veri e propri documenti del modo di agire della mafia negli anni ’70 - ’80. Le diverse posizioni dei corpi permettono di ricostruire la strategia comunicativa della mafia.

     

  • Stanza del dolore

     

    La stanza ospita una mostra permanente di Shobha, figlia di Letizia Battaglia, che ha seguito le orme della madre, cogliendo con i suoi scatti lo sgomento, il sentimento di impotenza, la disperazione provati da chi ha perso qualcuno a causa della mafia. Nella sala sono esposte anche fotografie di Letizia Battaglia che documentano delitti di mafia, colti nella loro drammatica crudezza. L’accostamento permette di cogliere le relazioni di causa-effetto che intercorrono tra i delitti e le conseguenze che essi producono nella vita  delle famiglie colpite e dell’intera comunità.

     

  • The "faldoni" room

     

    "The room of the folders" contains Maxi-Trial documents, which marked a milestone in the fight against Cosa Nostra.
    The documents, given to Corleone by the Criminal Chamber of the Court of Palermo, are testimony to the work of magistrates like Giovanni Falcone and Paolo Borsellino, who paid with their lives for their commitment to the fight against the Mafia.
    Among the folders there are the confessions of the famous “pentito” Tommaso Buscetta to Judge Falcone.